top of page

Chiudere le parentesi, ritrovare energia

Ti capita mai scrivendo una mail o un messaggio o un testo più lungo di aprire parentesi e mai più richiuderle? Ora non sto qui a fare la dietrologia della parentesi non chiusa ma più semplicemente farò una riflessione: credo che questa cosa succeda anche nella vita.


Prova a pensarci: hai anche tu delle parentesi non chiuse, vero? Come ti fanno sentire? Che sensazione ti dà non aver chiuso un argomento, una situazione, un aspetto della tua vita?


Se penso alle mie parentesi le sensazioni che ho sono due: la prima è che mi succhino via un sacco di energie, la seconda è che il tempo non aiuti a chiuderle. Devo fare qualcosa mi dico. Allora mi proietto in avanti e mi domando come mi sentirò quando avrò chiuso le parentesi.


Prova.


Il primo che pensa: "Beh, è chiaro che mi sentirò meglio", non vince nulla perché la risposta è monca e c’è da scavare. Ricordati sempre che la risposta che ti dai sarà tanto più efficace quanto non sarà monosillabi o quasi.

Per capirci: ti senti meglio come? Descrivi questa sensazione, usa degli esempi o delle metafore. Fare questo uso dei propri pensieri ti proietta davvero in avanti, come se stesse accadendo in quel momento e, più sono le sensazioni sulla pelle che avvertirai, più facile sarà “crederci” e automotivarti per lo step due: chiudere davvero la parentesi.


Facciamo questo esercizio insieme, non importa quale sia la parentesi, ecco la mia risposta:

“Quando chiuderò mi sentirò libera dai pensieri e mi peserà meno la testa, andrò a letto leggera, come quando mi depilo le gambe e strofinandoci contro i piedi mi sento i polpacci lisci. La mia parentesi chiusa farà in modo che io diventi liscia e che io mi senta liscia. Le parentesi chiuse si possono saltare e non cambiano il senso delle frasi e quindi sarà come se non fosse mai esistita. La chiusura mi fa sentire anche l’odore nelle narici delle lenzuola appena cambiate: non è il detersivo che uso ora e forse neanche quello di mia madre ma è la sensazione di spensieratezza di quando torno a casa da miei e dormo nel lettino nella cameretta che era mia e di mio fratello”.



Immaginando e rispondendomi tutto quello che ho appena condiviso con te, per me è facile avvicinarmi alla chiusura della parentesi.

Provaci, pensa a come ti sentirai quando avrai chiuso.

Magari ci saranno delle azioni che dovrai compiere ma ricordati che se ti sentirai demoralizzato avrai sempre la tua risposta a darti una mano.

Chiudi le parentesi: drenano energia che potresti usare altrove, affievoliscono la vitalità. Chiudi. E fammi sapere come ti senti, con tutti i dettagli però!



Photo by Ava Sol on Unsplash

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page